Distanti ma uniti. Noisers è con voi!

Condividendo meme, cantando dai balconi, sintonizzandoci alle 18.00 con la Protezione Civile e seguendo le dirette del Presidente, siamo arrivati a quel 3 aprile agognato. La curva dei contagi, che ormai abbiamo imparato tutti a leggere, ci aveva fatto intendere già da un po’ che non sarebbe stato il giorno della ‘libertà’. Non so a che grado di esaurimento da quarantena state o se, al contrario, vi siete talmente abituati alla quiete casalinga che di uscire di casa proprio non volete saperne. 
Ho pensato, oggi, di scrivere un articolo diverso da quello che il nostro blog propone. Lo scrivo per dare voce ad un pensiero comune un po’ per darci forza, un po’ perché forse certe cose è bene ribadirle.
In questa quarantena ci siamo ritrovati tutti allo stesso modo ma non tutti la stiamo vivendo allo stesso modo. Abbiamo più volte consigliato attività per far passere il lento scorrere del tempo ma rivolgiamo oggi un pensiero anche a quelle persone che non dispongono di una connessione Internet (eh già!) o di un abbonamento Netflix, Prime ecc. 
Abbiamo più volte ribadito “rimaniamo a casa ed evitiamo la diffusione del contagio” ma i Noisers rivolgono un pensiero a chi questa quarantena la sta vivendo in case piccole (magari sovraffollate), in case buie mai baciate dal sole, in case prive di balconi dove prendere una boccata di aria fresca. I Noisers sono vicini a chi la vive lontano da casa e dalla propria famiglia. A chi sta vivendo in completa solitudine e a chi la sta vivendo in compagnia sgradita; vicini a chi è a casa senza stipendio o ha perso il lavoro.
Noisers è vicino soprattutto a chi a casa non può starci. Chi sta gestendo la pandemia: chi si occupa dell’ordine pubblico; chi si ritrova a governare qualcosa per cui non potrai mai essere preparato. Vicino a chi lavora per garantirci i beni essenziali; a chi continua a lavorare in fabbrica e a chi lavora nei supermercati, nelle farmacia, in tutti i negozi che ci garantiscono una parvenza di normalità.
Infine ci sono loro, i più esposti di tutti, i sanitari: medici, infermieri, operatori del 118 tutti in prima linea, lontani dalle proprie famiglie, in corsia più ore del previsto, spesso privi degli adeguati dispositivi di protezione. Non solo chi lavora nei reparti di terapia intensiva e sub-intensiva ma tutti coloro che lavorano negli altri reparti a provvedere alla salute dei pazienti non Covid.
La community di noisers.net è vicina a tutti voi!
Infine, un appello a fare tutto quello che è possibile per evitare la diffusione del contagio, anche se significa continuare a stare lontani dalle famiglie o continuare a stare in completa solitudine. Noisers in questo momento cerca come può di alleggerirvi le giornate! 
Un appello anche di solidarietà donando quanto potete ma ancora di più stando vicini alle persone più deboli, anche nei vostri condomini. Tendiamo una mano a chi ha bisogno.
Un ultimo appello per quando torneremo alla normalità: diamo un nuovo significato a questa parola, pratichiamo una normalità lenta, slow se preferite. Rallentiamo i ritmi, il lavoro sfrenato; prendiamoci cura dell’ambiente e della Natura, facciamo di tutto per rispettarla per evitare di trovarci nuovamente dentro una pandemia. Ricordiamoci del desiderio che abbiamo in questi giorni di una passeggiata al mare o lungo un ruscello; ricordiamoci dei viaggi che in questo momento non possiamo fare; ricordiamoci degli abbracci che non possiamo dare. Ecco, facciamo sì che la normalità a cui torneremo sia una normalità carica degli insegnamenti che questa quarantena dovrebbe lasciarci. 
E ora chiudiamo con i sentimentalismi, la Community di noisers.net continuerà a tenervi compagnia con fantastici articoli perciò…. #FolloweTheNoise ????

Francesca Magurno

Detta FraMagu, giornalista di professione, narratrice per vocazione, ideatrice di LiberEspressioniDidee e Co-Founder di Noiser.net. Dopo un proficuo stage a Controradio ha iniziato a lavorare per l’inossidabile Radio CORA dove ha affinato la sua spiccata parlantina e la sua professionalità. Disperata. Intellettuale. Ubriacona. Ininfluencer. Ama la vita, la musica, i libri, il mare e il caffè. Un giorno racconterà il mondo, girandolo con diario di bordo e vecchia macchina fotografica. Per il momento si accontenta di raccontare… (a vanvera).

Non perderti gli articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter periodica per
ricevere i nostri aggiornamenti via mail!