Noisers Saving Australia: adottiamo un Koala!

Il nostro animo tecno ‘green’ non poteva rimanere indifferente alle immagini che vediamo provenire dall’Australia. Di tutti gli Stati del mondo, l’Australia è quello che conserva una flora e una fauna uniche, vi sono animali e piante che esistono in nessun’altra parte del mondo. E infatti chi si reca in Australia non può introdurre nulla di ‘alieno’ né può portare via nulla. Purtroppo le immagini che arrivano un questi giorni sono molto lontane dalla rigogliosa terra verde e brulicante a cui siamo abituati. Il cielo, l’aria si sono tinti di un rossore innaturale e irrespirabile, la neve dei ghiacciai è diventata marrone. La causa è da cercare negli incendi che stanno colpendo alcuni stati dell’Australia e che hanno finora ridotto in cenere una superficie grande quanto l’intera Austria.

Dopo una primavera caratterizzata da temperature troppo alte e siccità eccessiva, a partire da settembre 2019 più di 200 incendi sono scoppiati e sono stati fatti scoppiare in varie zone del Paese trovando un terreno abbastanza arido per propagarsi rapidamente incenerendo 50mila km quadrati di terreno, causando la morte di 25 persone e la distruzione di più di 10mila case rendendo, in pochi giorni, gli abitanti delle stesse degli sfollati. Nella capitale australiana, Canberra, la qualità dell’aria risulta come la peggiore del mondo e i cittadini sono dovuti ricorrere a maschere dotate di filtri per poter respirare senza soffocare. Per quanto riguarda il patrimonio naturalistico, il Wwf Australia ha parlato di apocalisse: le più colpite sono state le foreste di eucalipto e del bush, una savana semi arida con alberi bassi, fitti o sparsi, fatta soprattutto di erbe e arbusti, simile alla macchia mediterranea. Si stima, invece, in circa un miliardo il numero degli animali morti direttamente per colpa delle fiamme o indirettamente, di fame, perché gli incendi hanno distrutto il loro habitat di sopravvivenza. Fra questi canguri, wallaby, koala, volatili e tanti altri. Secondo l’Australian Koala Foundation sarebbero circa 8mila gli esemplari di koala morti o dispersi, il 10% dell’intera popolazione secondo l’Akf che negli scorsi mesi aveva definito i Koala “funzionalmente estinti”. Il numero di esemplari rimasti sarebbe insufficiente a garantirne un ruolo significativo nell’ambiente, mettendo a rischio la sopravvivenza di nuove generazioni di questi animali.

In molti casi dietro gli incendi vi è la mano dell’uomo: più di 180 persone sono state accusate o arrestate per aver appiccato incendi dolosi negli stati del New South Wales e Victoria mentre nel Queensland si contano 101 arresti, soprattutto di minorenni. Non si può voltare la faccia da un problema contingente a quello doloso e cioè il cambiamento climatico: gli incendi sono stati così pervasivi anche a causa dello stato di siccità estrema in cui versavano molte delle zone colpite, con temperature che hanno superato i 40 gradi.

Cosa possiamo fare? Non sottovalutare mai gli effetti dei cambiamenti climatici che sono reali e tangibili. Possiamo cominciare col rispettare la natura sempre: durante un trekking, un pic-nic, un’escursione, al mare. La natura si dona a noi in tutta la sua meravigliosa bellezza, il minimo che possiamo fare è di goderne con rispetto. I natural photographer fra noi saranno d’accordo. La tecnologia ci viene in aiuto ancora di più e ci mette nelle condizioni di essere presenti anche a kilometri di distanza. Il canale privilegiato è quello che fa capo alla Croce Rossa australiana, che sta lavorando giorno e notte per evacuare le persone che abitano nelle cittadine definite “indifendibili’ e per dare loro il sostegno adeguato. Le donazioni alla Croce Rossa australiana possono essere effettuate online dal sito Internet https://www.redcross.org.au. Altre donazioni possono essere effettuate a Wires, la più grande organizzazione benefica senza scopo di lucro per il salvataggio e la riabilitazione della fauna selvatica in Australia: https://www.wires.org.au/donate/emergency-fund. Per adottare un Koala e salvarlo dagli incendi c’è il WWF: https://sostieni.wwf.it/adotta-un-koala.html. Anche dal sito di YouAnimal possono essere effettuate ulteriori donazioni: http://www.youanimal.it/incendi-in-australia-adotta-un-koala-o-aiuta-i-soccorritori/.

Francesca Magurno

Detta FraMagu, giornalista di professione, narratrice per vocazione, ideatrice di LiberEspressioniDidee e Co-Founder di Noiser.net. Dopo un proficuo stage a Controradio ha iniziato a lavorare per l’inossidabile Radio CORA dove ha affinato la sua spiccata parlantina e la sua professionalità. Disperata. Intellettuale. Ubriacona. Ininfluencer. Ama la vita, la musica, i libri, il mare e il caffè. Un giorno racconterà il mondo, girandolo con diario di bordo e vecchia macchina fotografica. Per il momento si accontenta di raccontare… (a vanvera).

Non perderti gli articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter periodica per
ricevere i nostri aggiornamenti via mail!