Usare WhatsApp per il supporto clienti, come strumento di Business e come strumento da “quarantena”

Al giorno d’oggi chi non ha uno smartphone con installato WhatsApp? Credo nessuno. Da quando è stato acquisito da Mark Zuckerberg nel lontano 2014, il numero di utenti e integrazioni nei servizi è stato in continua crescita. Ogni giorno attraverso WhatsApp vengono inviati circa 50 miliardi di messaggi, 1 miliardo di video, 4.5 miliardi di foto e 80 milioni di GIF, sostituendosi agli sms in 109 paesi, ed utilizzata in circa il 60% del mondo. In questo particolare momento, causa COVID-19 (potevo dire, a malincuore, io c’ero!) viene utilizzato ancora di più, per video chiamate collaborative, videocall individuali e chiamate via internet, battendo di gran lunga servizi come Skype o Telegram, sia per la sua immediata semplicità d’uso, sia per la sua espansione di utenza.

Fare Marketing con WhatsApp

Ma perchè non limitare i tempi di risposta ed utilizzare questi sistemi, ormai abituali a tutti gli utenti, come Strumento di Marketing? Grazie a WhatsApp, è possibile messaggiare in tempo reale con i propri clienti, addirittura “videochiamarli” ed inviare loro file, brochure, link, immagini, ecc. Il tutto in maniera facile ed immediata! Inoltre, come le email, è uno strumento totalmente gratuito!

Le attività di marketing attraverso WhatsApp garantiscono un alto tasso di partecipazione e di apertura del messaggio, (circa il 95% entro i tre secondi dalla ricezione). Inoltre è possibile “replicare” delle campagne newsletter con le Liste Broadcast, ovvero l’invio di messaggi ad un gruppo specifico (fino a 250 utenti circa per lista), in maniera del tutto individuale per ogni utente. Fantastico! Io lo uso settimanalmente per comunicare con i miei clienti, non solo con le chat individuali, ma anche con le Liste Broadcast. Quando voglio mandare un messaggio univoco a tutti (ad esempio: “vado in ferie dal al”, MAGARI!), ho la lista Broadcast bella e pronta di tutti i miei clienti, in un solo “tap”, ho inviato la comunicazione a tutti, e loro l’hanno ricevuta come messaggio singolo, senza vedere a quanti altri io l’abbia mandata.

Consigli per la comunicazione

  • Le chat individuali sono utilizzate principalmente per dare supporto, si possono infatti mandare messaggi di testo, messaggi vocali, foto, video, ecc…Come una normale conversazione!
  • Per l’invio di liste Broadcast, assicuratevi che i vostri destinatari vi abbiano memorizzato all’interno della loro rubrica, altrimenti il messaggio non verrà recapitato.
  • I gruppi, meno utilizzati per clienti ma molto utilizzati dai team di lavoro, consentono di inviare pubblicamente il contenuto a visibile a tutti i membri dello stesso, e tutti i partecipanti possono visualizzare le risposte degli altri utenti ed interloquire a loro volta, a meno che tu non decida che in quel gruppo si possano semplicemente visualizzare le comunicazioni da parte degli amministratori, gli unici abilitati alla scrittura dei messaggi e dei contenuti.

Uno strumento come WhatsApp, se utilizzato bene per il proprio business, permette di semplificare il processo di comunicazione con i propri clienti. Esiste anche una versione Business di WhatsApp (ve la svelerò nei prossimi articoli in maniera più dettagliata), ottimizzato ed ampliato appositamente per le aziende. In entrambi i casi (WhatsApp o WhatsApp Business), è possibile dare risposte veloci ai clienti, inviare offerte dedicate, ricevere prenotazioni per il proprio hotel o ristorante, inviare mappe, video, foto, gif, link, brochure in pdf e, attraverso gli avvisi di lettura dei clienti stessi, analizzare i dati, magari confrontandoli con una campagna via mail alle stesse persone!

In questo momento difficile per l’Italia in cui tutti facciamo la nostra parte rimanendo a casa, possiamo lavorare in smart working (leggi l’articolo dedicato di Francesca Magurno), utilizzando uno strumento che tutti conoscono come Whatsapp! Per chiunque lo utilizzi in maniera “babbana”, utilizzate Whatsapp per le call di gruppo con i vostri amici! 

Non sapete come si fa? Ecco il link alla Faq sul sito Ufficiale così non avete scuse per uscire di casa:

Alla prossima Noisers!

Alessio Perrone

CO-Founder n°0 di Noisers.net, cresciuto a Goleador e Star Wars, mi sono sempre chiesto quale fosse il mio destino tra lato chiaro o scuro della forza. Oggi, tra caffè e musica nelle orecchie, viaggio spesso per lavoro in Italia e all’estero. Nativo calabrese, ho trovato la mia dimensione tra il browser e il cliente sfruttando le potenzialità del web 2.0 e delle strategie di Marketing Digitale. Dal 2014 sono titolare di yoursocialnoise Digital Agency, ma da grande voglio visitare tutte le stelle dell’universo! Nel tempo libero mi piace viaggiare e leggere un buon libro cartaceo. Vado matto per la cioccolata e sono appassionato di fotografia. Sono nato con tantissimi capelli, tutti dritti all'insù, giusto per far capire a tutti che ero un Noisers fin dal lontano (ahimè) 1987!

Non perderti gli articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter periodica per
ricevere i nostri aggiornamenti via mail!